/* il mio dottore widget*/
PsicoterapiaSenza categoria

Psicoterapia, cura, soluzione

Quando l’incontro diventa psicoterapia?

Ogni incontro fra persone che pensano in maniera diversa può essere considerato psicoterapia purché, sentendone il bisogno, ciascuna faccia tesoro delle considerazioni dell’altra per esaminare il proprio comportamento per metterlo in discussione e, cambiarlo, se occorre.

Non si cambia la propria condotta per capriccio o per seguire la moda, ma per necessità di adattamento alle esigenze dei tempi o per eventuali stati d’animo negativi che urtano con il buon vivere quotidiano.

E’ questo il momento in cui un individuo, consapevole di non riuscire a superare le proprie difficoltà da solo, si rivolge a uno psicologo o psichiatra per chiedere di essere aiutato tramite la messa in atto di un percorso psicologico che quando è rivolto ai lati più profondi dell’Io, si chiama Psicoterapia.

Lo psicologo ha cura del soggetto in difficoltà senza prescrivere farmaci, mentre lo psichiatra, in genere, prescrive anche medicine per aiutare l’uscita dal tunnel del disagio.

Che cos’è il tunnel del disagio o della malattia?

E’ una galleria un po’ oscura dove l’individuo perde l’orientamento della propria vita e chiede un aiuto psicologico per ritrovarlo, iniziando a parlare di se stesso e indicando eventuali motivi per cui crede di averlo perso. Sarà cura dello psicologo guidarlo durante il percorso, interpretando il significato della narrazione perché non sempre ciò che si dice nei primi colloqui corrisponde a verità. Il disagio si trasforma in disturbo e poi in malattia quando la persona che narra la propria storia non percepisce più la via d’uscita.

Quali sono i principali disturbi che possono ostacolare l’equilibrio di una persona e che si possono risolvere con la pratica della psicoterapia?

Sono tutti quei malesseri, inquietudini e turbamenti emotivi ed esistenziali che disturbano l’andamento quotidiano della vita, di fronte ai quali non si ha forza e coraggio di darne giusta risposta. Accumulando ogni giorno simili turbamenti, la mente umana si disorienta trasmettendo al corpo un'”ansia generalizzata” che incute disagio per ogni azione che si faccia; allora occorre ricercare le cause che hanno potuto provocarla e trovare i rimedi per superarla.

Mentre lo psichiatra, può prescrivere al proprio paziente anche sedativi per placarla, lo psicologo riflette con il proprio cliente sulle  emozioni e sui sentimenti che hanno potuto provocarla e, quindi, eliminarla.

 

Ci sono anche gravi malattie che si curano con la psicoterapia?

La più grave, è la depressione per la quale occorre fare indagini approfondite sul quando e sul come si è manifestata, distinguendo se trattasi di depressione reattiva, compulsiva o maggiore.

La depressione maggiore, detta anche endogena o unipolare è un disturbo dell’umore, caratterizzato da profonda tristezza, perdita di interessi, pensieri negativi, assoluto pessimismo della vita e incentivazione al suicidio.

L’organizzazione mondiale della sanità valuta la depressione come una dei disturbi più invalidanti al mondo.

 

Quando bisogna rivolgersi allo specialista?

 

Il più presto possibile, cioè, non appena si manifestano i primi sintomi. Ogni malattia si presenta dapprima con un disagio come malinconia e tristezza, poi si trasforma in disturbo della mente e del fisico  come malumori psicologici e dolori fisici, infine diventa malattia, la quale mette in discussione l’intera persona.

 

Non attendere mai che si giunga al terzo stadio, perché  il corpo umano è un sistema molto complesso dove un semplice disagio a un dito del piede, ad esempio, mette in squilibrio le funzioni dell’intero sistema, come un iniziale disturbo mentale  che inizia con un semplice mal di testa, può mandare in depressione l’intera persona.

 

Leave a Reply