/* il mio dottore widget*/
Ortopedia mentale

Guarire con la mente nell’approccio olistico

By 8 Novembre 2018 No Comments

Ortopedia mentale cognitiva

Dalla tecnica al metodo

L’ortopedia mentale è una branca della psicologia e della comunicazione: nasce come tecnica d’intervento (Binet), per riattivare le disabilità cerebrali causate da fattori prenatali e postnatali. Oggi, con modifiche e aggiornamenti apportati alla tecniche del Binet, ne faccio uso come percorso terapeutico  evolvendo la tecnica in metodo di arricchimento cerebrale per bambini e adulti. Le esperienze fatte sul corpo, perché non sperimentarle nel cervello? Io ho fatto questo tentativo e sono orgoglioso dei miei risultati.

Dal corpo al cervello

Se il medico ortopedico  ricongiunge due ossa spezzate, perché lo psicologo della mente non può ricongiungere una sinapsi interrotta di un trauma psichico con allenamenti cerebrali che suppliscano le piastre e le vite del medico? Da questa domanda è nato l’interesse dei miei studi che dall’Ortopedia mentale mi hanno condotto alla Programmazione Neuro Mentale (PNM) e a quella Neuro Linguistica( PNL).

Modello psicoterapeutico cognitivo

Oggi, nello StudioStaffolani, applico con successo questo metodo anche alle persone anziane che, a causa dell’età fisiologica, presentano un notevole calo della memoria, dell’orientamento e della percezione del Sé. Posso, quindi, affermare che l’ortopedia mentale è un metodo di allenamento cerebrale con funzioni terapeutiche, dall’infanzia alla vecchiaia perché va a sollecitare quelle capacità dormienti che abitualmente si generano in ogni essere umano, per pigrizia, insufficienza dell’attenzione e scarso interesse per la vita.

Rinforzo mentale

Ho potuto costatare che l’allenamento mentale non serve soltanto a migliorare le capacità logico-matematiche, ma anche a rinforzare la mente e nutrire la memoria. Salendo, dall’apparato locomotore che sostiene il peso del corpo, alla cranio che contiene il cervello,  l‘ortopedia mentale si pone in stretto contatto con le facoltà del pensiero, del giudizio e del ragionamento e diventa una modello di allenamento cerebrale per bambini, adulti e anziani.

Ringiovanire il cervello

In questo senso, l’ortopedia mentale entra in tutti i processi del pensiero nelle sue varie funzioni: dalla pigrizia all’attività del corpo; dalla debolezza al  rinforzo delle capacità attitudinali; dalla lentezza dei calcoli alla sveltezza intellettiva. E’ un metodo per rinforzare la mente e pianificare i contenuti. Considerato che il cervello umano è una macchina che non si ferma mai, occorre guidarlo con la volontà a compiere quei movimenti che lo facciano rimanere sempre giovane.

Approccio olistico: cervello, mente, corpo

Non so bene se il cervello umano coincida con la mente o se la mente sia la porzione più intima del cervello, ma sono sicuro che il cervello, la mente e il corpo non sono tre entità distinte, ma un’unica essenza che dà consistenza all’essere umano per cui io penso, ricordo e cammino. Il “cogito  ergo sum” (penso dunque sono) cartesiano o il “sum ergo cogito” (sono dunque penso) hobbesiano,  mi danno la stessa risposta: io esisto perché penso perché se non fossi nato (esistito)  non avrei potuto scoprire di pensare. L’esistenza e il pensiero sono le due funzioni umane dentro cui, olisticamente, si svolge tutto l’agire umano.

Esiste, dunque, una terapia olistica?

Sicuramente sì, anche se non è fisicamente descrittiva, ma essenzialmente culturale. Non c’è altro criterio per descriverla se non quello di affermare che l’uomo è una totalità e non una somma delle sue singole parti e che se si danneggia una singola parte, l’uomo sta male nella sua interezza.

Nota: Cos’è l’ortopedia medica?

L’ortopedia medica è una branca della medicina che s’interessa delle alterazioni congenite o acquisite dell’apparato locomotore,  delle terapie di tutto ciò che riguarda le articolazioni, i muscoli e i tendini. E’ un settore importante per i traumi causati da incidenti sportivi e stradali e sotto quest’aspetto interessa parzialmente la psicologia se non come sostegno psicologico, volto a tollerare il dolore di fronte a situazioni disagiate di carattere prevalentemente medico.

Leave a Reply